fbpx
Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Edifici antisismici: come fanno a resistere ai terremoti?

L’Italia è un paese dove i terremoti purtroppo sono frequenti a causa della sua posizione geologica, per questo si rende necessaria la costruzione di edifici antisismici resistenti alle scosse di terremoto.

In questo articolo vedremo perchè in Italia avvengono spesso terremoti, come vengono progettati gli edifici antisismici e quali sono le innovazioni tecnologiche nel capo dell’edilizia per costruire strutture antisismiche sempre più sicure.

Perchè l’Italia è soggetta a molti terremoti?

L’Italia si trova al confine di due placche tettoniche principali: la placca euroasiatica e la placca africana. Queste placche si muovono lentamente l’una rispetto all’altra, causando tensioni lungo le faglie geologiche presenti nel terreno. Quando queste tensioni si accumulano a un punto tale da superare la resistenza delle rocce lungo una faglia, si verifica un terremoto.

Inoltre, l’Italia ha una vasta rete di faglie attive e una storia sismica complessa, con molte regioni che sono soggette a terremoti più frequenti e intensi rispetto ad altre. Ad esempio, l’area sismica più famosa è la regione sismica dell’Appennino, dove si verificano numerosi terremoti a causa dell’interazione delle placche.

A questo, si aggiunge il fatto che la densità della popolazione e l’urbanizzazione in molte aree sismiche italiane è notevole, e ciò rende di conseguenza anche i terremoti più pericolosi.

Normative antisismiche in Italia

Le normative antisismiche in Italia sono tra le più rigorose al mondo, e sono regolate principalmente dal Decreto Ministeriale 14/01/2008, che stabilisce i requisiti minimi di sicurezza per le costruzioni in zone sismiche.

In Italia, la normativa antisismica è stata più volte aggiornata, a seguito di importanti eventi sismici come il terremoto dell’Aquila del 2009 e il terremoto dell’Emilia del 2012. Le normative attuali, contenute nelle Norme tecniche per le costruzioni (NTC 2018), rappresentano lo stato dell’arte in materia di progettazione e costruzione di edifici antisismici.

Grazie all’applicazione di queste normative, gli edifici antisismici in Italia sono in grado di resistere anche a forti terremoti, minimizzando i danni alle persone e alle cose.

Gli edifici antisismici in Italia devono essere progettati e costruiti tenendo conto delle caratteristiche sismiche del territorio, della tipologia di terreno e delle normative locali, inoltre è importante anche che siano regolarmente sottoposti a manutenzione e controlli, per verificarne lo stato di conservazione e intervenire in caso di necessità.

Principi di progettazione antisismica

Gli edifici antisismici si basano su diversi principi di progettazione. Innanzitutto, c’è la riduzione della massa: le strutture sono progettate per essere il più leggere possibile, riducendo così la forza inerziale generata durante un terremoto.

Inoltre, si cerca di incrementare la flessibilità delle strutture in modo che possano deformarsi senza crollare durante un terremoto, assorbendo l’energia sismica attraverso movimenti elastici. Sistemi di ammortizzazione, come smorzatori viscosi o sistemi di isolamento sismico, vengono utilizzati per dissipare l’energia sismica e ridurre le oscillazioni strutturali.

Infine, un’accurata analisi strutturale e il dimensionamento dei materiali sono fondamentali per garantire che la struttura possa sopportare le sollecitazioni sismiche previste.

Materiali e tecniche costruttive degli edifici antisismici

Una vasta gamma di materiali e tecniche costruttive è impiegata nella costruzione di edifici antisismici. Tra i più comuni ci sono:

  • Strutture a telaio in acciaio o cemento armato: Queste strutture sono progettate per assorbire e dissipare l’energia sismica attraverso l’uso di elementi strutturali rigidi come travi e colonne. L’acciaio e il cemento armato offrono resistenza e flessibilità, riducendo così il rischio di cedimenti strutturali durante un terremoto.
  • Isolatori sismici: Questi dispositivi sono inseriti tra la fondazione e la struttura dell’edificio per ridurre le forze sismiche trasmesse alla struttura. Gli isolatori possono essere realizzati in vari materiali, come gomma rinforzata con acciaio o materiali viscoelastici.
  • Diaframmi sismici: I diaframmi sismici sono solai in calcestruzzo armato che collegano tra loro i diversi piani dell’edificio. La loro funzione è quella di distribuire le forze sismiche uniformemente su tutta la struttura.
  • Giunti sismici: I giunti sismici sono delle separazioni tra le diverse parti dell’edificio che permettono loro di muoversi in modo indipendente durante un terremoto. Questo aiuta a ridurre lo stress sulla struttura e a prevenire i crolli.
  • Sistemi di dissipazione dell’energia: Questi sistemi sono progettati per assorbire e dissipare l’energia sismica, riducendo così le forze applicate alla struttura. Tra i sistemi più comuni ci sono gli ammortizzatori viscosi, che trasformano l’energia cinetica in calore.
  • Murature rinforzate: Nelle zone sismiche, le murature possono essere rinforzate con l’aggiunta di barre di acciaio o rete metallica incorporata nel materiale da costruzione, migliorando così la resistenza della struttura agli sforzi sismici.
  • Sistemi di dissipazione della pressione del suolo: In zone soggette a liquefazione del suolo durante un terremoto, possono essere utilizzati sistemi di drenaggio per ridurre la pressione idrica nel terreno e prevenire il cedimento delle fondamenta.
  • Materiali da costruzione leggeri: I materiali da costruzione utilizzati per le murature, i solai e le coperture devono essere leggeri, in modo da ridurre il peso complessivo dell’edificio. Questo aiuta a diminuire le forze sismiche che gravano sulla struttura.

La scelta delle soluzioni è dettata da vari fattori che vengono prima analizzati come le caratteristiche del terreno, la gravità dei terremoti attesi e le normative edilizie locali.

Innovazioni tecnologiche

Nel campo degli edifici antisismici, le innovazioni tecnologiche stanno rivoluzionando il modo in cui progettiamo, costruiamo e valutiamo la sicurezza delle nostre strutture. L’obiettivo principale è creare edifici che possano resistere alle forze distruttive dei terremoti e proteggere la vita umana e le proprietà.

Una delle aree chiave di progresso riguarda i materiali. Nuovi composti avanzati come polimeri rinforzati con fibre (FRP) e isolatori sismici elastomerici rinforzati con fibre (FRE) offrono una combinazione di leggerezza, resistenza e flessibilità che migliorano le prestazioni antisismiche degli edifici. Questi materiali non solo rendono le strutture più resistenti, ma consentono anche una maggiore dissipazione dell’energia sismica.

Inoltre, vi sono sistemi di controllo attivo del movimento che utilizzano attuatori meccanici o idraulici per ridurre le sollecitazioni sismiche durante un terremoto, proteggendo così le persone e le strutture degli edifici. Questi sistemi, insieme a sensori e sistemi di monitoraggio strutturale, consentono un monitoraggio continuo del comportamento strutturale, consentendo interventi tempestivi e migliorando la resilienza degli edifici nel lungo termine.

Le tecnologie di modellazione e simulazione avanzate hanno anche rivoluzionato il modo in cui progettiamo gli edifici antisismici. Ciò consente agli ingegneri di valutare con precisione il comportamento strutturale durante un terremoto e ottimizzare il design per massimizzare la sicurezza e la resilienza.

Infine, le tecniche di costruzione prefabbricate stanno diventando sempre più popolari, consentendo una maggiore qualità e coerenza nella costruzione, riducendo i tempi di costruzione e migliorando la resistenza sismica complessiva dell’edificio.

Gli edifici antisismici possono danneggiarsi?

La risposta è sì. Gli edifici antisismici possono comunque subire danni durante un terremoto, ma sono progettati per minimizzare tali danni e proteggere la vita umana. Non esiste un edificio completamente invulnerabile ai terremoti. Gli edifici antisismici sono progettati per ridurre al minimo i danni strutturali e migliorare le possibilità di evacuazione sicura degli occupanti.

Anche se un edificio antisismico può subire danni strutturali, l’obiettivo è che queste lesioni siano controllate e non compromettano la stabilità globale della struttura. I danni possono variare a seconda della gravità del terremoto, delle caratteristiche del suolo e della qualità del progetto e della costruzione dell’edificio.

Le normative antisismiche spesso richiedono che gli edifici siano progettati per resistere a terremoti di una certa intensità, specificata dalle normative locali. Tuttavia, ci sono limiti alla capacità di un edificio di resistere a terremoti estremamente potenti, e in queste situazioni i danni possono essere più significativi.

Pertanto, mentre gli edifici antisismici offrono una maggiore sicurezza rispetto agli edifici non progettati per resistere ai terremoti, è importante anche adottare misure di pianificazione e preparazione per ridurre al minimo il rischio per la vita umana e le proprietà durante un evento sismico. Queste misure possono includere la pianificazione di vie di fuga sicure, l’installazione di sistemi di allarme sismico e la sensibilizzazione dell’opinione pubblica sui comportamenti sicuri da adottare durante un terremoto.

Edifici antisismici: un’innovazione che salva la vita

Gli edifici antisismici rappresentano un campo in continua evoluzione. Vi è una costante ricerca di soluzioni innovative per proteggere le vite umane e le proprietà dalle forze distruttive dei terremoti. Attraverso una combinazione di progettazione intelligente, materiali avanzati e tecnologie all’avanguardia, è possibile costruire un futuro più sicuro nelle aree sismiche di tutto il mondo.

iphone 16 uscita prezzo

Nuovi iPhone 16: uscita, prezzo e modelli

Cresce sempre di più l’attesa per l’iPhone 16: uscita e prezzo sono al centro dell’interesse generale. Dopo l’annuncio alla WWDC24

wwdc24

La Apple WWDC24 in Diretta, qui, il 10 Giugno alle 19:00

La WWDC 2024 di Apple inizia il 10 giugno alle 19:00 ora italiana, con il keynote di apertura che presenterà le ultime innovazioni dell’azienda. Attesi iOS 18, iPadOS 18 e watchOS 11, insieme a nuove funzionalità avanzate di intelligenza artificiale per Siri. Segui il nostro live blog per aggiornamenti in tempo reale e scopri tutte le sorprese che Apple ha in serbo per noi. La WWDC24 promette una settimana ricca di annunci e opportunità per sviluppatori e appassionati di tecnologia di tutto il mondo.

iphone 16 uscita prezzo

Nuovi iPhone 16: uscita, prezzo e modelli

Cresce sempre di più l’attesa per l’iPhone 16: uscita e prezzo sono al centro dell’interesse generale. Dopo l’annuncio alla WWDC24

wwdc24

La Apple WWDC24 in Diretta, qui, il 10 Giugno alle 19:00

La WWDC 2024 di Apple inizia il 10 giugno alle 19:00 ora italiana, con il keynote di apertura che presenterà le ultime innovazioni dell’azienda. Attesi iOS 18, iPadOS 18 e watchOS 11, insieme a nuove funzionalità avanzate di intelligenza artificiale per Siri. Segui il nostro live blog per aggiornamenti in tempo reale e scopri tutte le sorprese che Apple ha in serbo per noi. La WWDC24 promette una settimana ricca di annunci e opportunità per sviluppatori e appassionati di tecnologia di tutto il mondo.

Correlati

Iscriviti alle news

Iscriviti per essere aggiornato