fbpx
Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Auto con IA: un futuro da sogno, ma con qualche rischio

Nell’industria automobilistica, le auto supportare o addirittura guidate dall’intelligenza artificiale sono in costante aumento e fungono da supporto per il guidatore. Indubbiamente forniscono dei vantaggi come: guida autonoma, connettività, maggiore sicurezza stradale, efficienza e comfort. Tuttavia, questa rapida evoluzione non è priva di rischi e uno dei più gravi è rappresentato dalla minaccia degli attacchi informatici.

L’intelligenza artificiale nelle auto

Uno degli utilizzi più evidenti dell’IA nelle auto, risiede nei sistemi di assistenza alla guida, che sfruttano algoritmi di machine learning per rilevare ostacoli, mantenere la corsia e adattarsi alle condizioni del traffico in tempo reale. Questi sistemi di intelligenza artificiale aumentano la sicurezza stradale riducendo il rischio di incidenti e migliorando la reattività del veicolo. Alcuni veicoli addirittura grazie all’IA permettono di far parcheggiare l’auto in piena autonomia.

Secondo quanto si apprende dal sito Quattro Ruote, la DS è stata la prima casa automobilistica in assoluto a includere di serie ChatGpt, l’IA forse più nota al mondo, nei modelli dotati del sistema d’infotainment Iris. E altri costruttori, tra cui BMW, Mercedes, Ford e Toyota, hanno avviato progetti pilota o sperimentazioni tra l’Europa e gli Stati Uniti. Tuttavia, nel mondo dell’auto l’intelligenza artificiale si sta facendo strada in tanti altri aspetti, dal design alla progettazione, dalla produzione al commerciale, fino ai servizi di post-vendita. In sostanza, l’intero ciclo di vita di un’automobile è interessato dall’applicazione dell’intelligenza artificiale.

Già gli aiuti alla guida (gli Adas) utilizzano l’intelligenza artificiale: analizzando i dati che arrivano dai vari sensori, l’auto può “vedere” che cosa c’è attorno, identificando pedoni, motocicli, vetture e camion. Alcune, come le Tesla o la Volvo EX90, come ci mostra un articolo pubblicato su AlVolante, li mostrano anche nello schermo, per infondere fiducia sulle capacità d’interpretazione dell’ambiente. Allo stesso modo, analizzando le immagini di una telecamera interna, l’auto “capisce” se chi è al volante sia stanco. Una forma semplificata viene impiegata per apprendere gusti e abitudini dell’automobilista: il sistema multimediale può suggerire una destinazione o un tipo di musica.

Rischi legati agli attacchi hacker

Nonostante i benefici, l’integrazione dell’intelligenza artificiale nelle auto introduce anche nuove vulnerabilità e rischi, in particolare legati agli attacchi informatici. Gli hacker possono sfruttare le vulnerabilità nel software per prendere il controllo del veicolo o compromettere la privacy del guidatore. Alcuni dei rischi principali includono:

1. Manipolazione del veicolo

Gli hacker possono compromettere i sistemi di controllo del veicolo, manipolando la direzione, la velocità o persino attivando o disattivando i freni (come si vede in molti film e serie tv americane ad esempio). Dunque l’uso dell’intelligenza artificiale nelle auto potrebbe portare a incidenti gravi e potenzialmente fatali, mettendo a rischio la vita dei passeggeri e degli altri utenti della strada.

 2. Furto di dati sensibili

Le auto moderne, dotate di intelligenza artificiale, raccolgono una grande quantità di dati sensibili sull’utente, come informazioni di localizzazione, dati di navigazione, cronologia delle chiamate e persino dati biometrici. Gli hacker possono sfruttare queste informazioni per il furto di identità, il ricatto o altre attività criminali.

3. Ransomware

Un’altra minaccia crescente è rappresentata dal ransomware, in cui gli hacker prendono il controllo dei sistemi dell’auto e richiedono un riscatto per ripristinare le funzionalità normali. Questo tipo di attacco potrebbe lasciare i conducenti bloccati o in pericolo, se il veicolo è stato compromesso durante la guida.

Esempi di attacchi hacker alle auto

Negli ultimi anni, sono stati segnalati diversi casi di attacchi informatici mirati ai veicoli, dimostrando la reale minaccia che rappresentano gli hacker per le auto che implementano l’intelligenza artificiale. Uno degli esempi più noti è stato l’attacco al Jeep Cherokee nel 2015, in cui due ricercatori di sicurezza sono riusciti a prendere il controllo remoto del veicolo, manipolando il sistema di frenata e accelerazione.

Un altro caso è quello di una squadra del Keen Security Lab, una divisione del gruppo cinese Tencent, è riuscita infatti a prendere il controllo di una Tesla Model S sfruttando una vulnerabilità del software tramite un hotspot Wi-Fi appositamente configurato per portare un attacco.

Inoltre, nel 2019, un gruppo di hacker ha preso il controllo di un autobus di linea in Cina, bloccando il traffico e causando il panico tra i passeggeri. L’attacco è stato possibile sfruttando una vulnerabilità del software di gestione dell’autobus.

Secondo uno studio di Kaspersky, il 70% degli esperti di sicurezza informatica ritiene che le auto connesse siano vulnerabili agli attacchi hacker. E il problema è destinato a crescere con l’aumento del numero di auto connesse e a guida autonoma sulle strade.

Misure di sicurezza e prevenzione

Per mitigare il rischio degli attacchi hacker nelle auto dotate di intelligenza artificiale, l’industria automobilistica sta adottando diverse misure di sicurezza e prevenzione. Queste includono:

  • Crittografia dei dati: Tutti i dati sensibili trasmessi tra il veicolo e i server esterni devono essere crittografati per proteggerli dagli hacker.
  • Aggiornamenti del software: Gli OEM devono fornire regolarmente aggiornamenti del software per correggere le vulnerabilità di sicurezza e proteggere i veicoli da potenziali attacchi.
  • Penetration testing: Le aziende automobilistiche devono condurre test di penetrazione regolari per identificare e correggere le vulnerabilità nel software e nei sistemi di rete.
  • Collaborazione con esperti di sicurezza informatica: Le case automobilistiche dovrebbero collaborare con esperti di sicurezza informatica per identificare e mitigare i rischi di sicurezza nei loro prodotti.

Cosa si può fare per migliorare la sicurezza delle auto guidate dall’intelligenza artificiale e proteggersi dagli attacchi hacker?

La sicurezza delle auto con intelligenza artificiale è una sfida complessa che richiede un impegno da parte di tutti gli attori coinvolti:

Le case automobilistiche devono investire nella sicurezza informatica dei loro veicoli, adottando tecnologie e procedure adeguate. I governi dovrebbero emanare normative specifiche per la sicurezza delle auto connesse e a guida autonoma. Gli hacker etici possono aiutare a identificare le vulnerabilità dei sistemi informatici delle auto, contribuendo a renderle più sicure.

I cittadini devono però essere consapevoli dei rischi a cui si viene esposti se si sceglie di acquistare un’auto dotata di intelligenza artificiale e adottare le opportune precauzioni, come utilizzare password complesse e aggiornare regolarmente il software della propria auto.

Intelligenza artificiale nelle auto: uno strumento utile ma con dei rischi

Sicuramente acquistare un veicolo dotato di intelligenza artificiale, come abbiamo visto all’inizio dell’articolo, offre grandi vantaggi. Ovviamente dovremmo fare i conti con alcuni fattori che potrebbero mettere a rischio la nostra sicurezza e quella del veicolo. Tuttavia, non vogliamo invitarvi a non acquistare le auto dotate di intelligenza artificiale, dato che gli attacchi hacker possono avvenire, ma molto raramente, quindi non dovremmo precluderci l’uso di queste nuove tecnologie.

L’importante è ricordare che la tecnologia è in continua evoluzione e che i sistemi di sicurezza informatica delle auto con intelligenza artificiale sono sempre più sofisticati. Bisogna però informare i cittadini sui rischi e sulle precauzioni da adottare per proteggere le proprie auto dagli attacchi hacker.

iphone 16 uscita prezzo

Nuovi iPhone 16: uscita, prezzo e modelli

Cresce sempre di più l’attesa per l’iPhone 16: uscita e prezzo sono al centro dell’interesse generale. Dopo l’annuncio alla WWDC24

wwdc24

La Apple WWDC24 in Diretta, qui, il 10 Giugno alle 19:00

La WWDC 2024 di Apple inizia il 10 giugno alle 19:00 ora italiana, con il keynote di apertura che presenterà le ultime innovazioni dell’azienda. Attesi iOS 18, iPadOS 18 e watchOS 11, insieme a nuove funzionalità avanzate di intelligenza artificiale per Siri. Segui il nostro live blog per aggiornamenti in tempo reale e scopri tutte le sorprese che Apple ha in serbo per noi. La WWDC24 promette una settimana ricca di annunci e opportunità per sviluppatori e appassionati di tecnologia di tutto il mondo.

iphone 16 uscita prezzo

Nuovi iPhone 16: uscita, prezzo e modelli

Cresce sempre di più l’attesa per l’iPhone 16: uscita e prezzo sono al centro dell’interesse generale. Dopo l’annuncio alla WWDC24

wwdc24

La Apple WWDC24 in Diretta, qui, il 10 Giugno alle 19:00

La WWDC 2024 di Apple inizia il 10 giugno alle 19:00 ora italiana, con il keynote di apertura che presenterà le ultime innovazioni dell’azienda. Attesi iOS 18, iPadOS 18 e watchOS 11, insieme a nuove funzionalità avanzate di intelligenza artificiale per Siri. Segui il nostro live blog per aggiornamenti in tempo reale e scopri tutte le sorprese che Apple ha in serbo per noi. La WWDC24 promette una settimana ricca di annunci e opportunità per sviluppatori e appassionati di tecnologia di tutto il mondo.

Correlati

Iscriviti alle news

Iscriviti per essere aggiornato